15/02/2021

Vertigine e disturbi dell’equilibrio, quali sono le cause e le possibilità di trattamento

 

La vertigine è una sensazione illusoria di movimento del corpo o della stanza circostante, spesso accompagnata da sintomi e segni quali pallore, vomito, nausea, nistagmo e/o cadute.
La forma più frequente è quella scatenata da rapidi cambi di posizione (mi alzo velocemente, guardo in alto, mi chino per raccogliere qualcosa a terra) detta per l’appunto, vertigine posizionale; questi movimenti veloci possono evocare una forte vertigine rotatoria, oppure un senso di instabilità e confusione mentale. Spesso a questi sintomi può associarsi nausea e vomito.

Vertigine posizionale: cause e opzioni terapeutiche. Rispondono alle domande il Dott. Lovato Andrea, Specialista in Otorinolaringoiatria e Professore a Contratto presso l’Università di Padova e il Dott. Dalla Pozza Piero, Laureato in Fisioterapia con Master di Specializzazione in Riabilitazione Muscoloscheletrica.

 

Quali sono le cause più frequenti di vertigine posizionale?

La vertigine più frequente è evocata dai rapidi movimenti del corpo e trova la sua causa principale nella canalolitiasi, una condizione nella quale avviene uno spostamento degli otoliti (cristalli di carbonato di calcio normalmente posizionati nella macula dell’utricolo, una parte dell’orecchio interno).
Questi “sassolini” diventano liberi di muoversi all’interno dei liquidi dell’orecchio, stimolando le cellule capellute dei canali semicircolari e creando l’illusione di movimento.

Questa patologia, denominata comunemente vertigine posizionale parossistica benigna, può essere causata da traumi cranici, infezioni virali come la neurite vestibolare, o fattori ormonali.

 

Quali sono le opzioni terapeutiche con l’Otorinolaringoiatra?

Queste vertigini hanno un’ottima prognosi se trattate correttamente.

Quando si manifestano vertigini e condizioni di disequilibrio, il primo passo è eseguire una Diagnosi Medica, attraverso una Visita Specialistica con l’Otorinolaringoiatra per accertare od escludere un’alterazione a carico dell’apparato vestibolare.

In caso di patologie dell’orecchio, il trattamento corretto è eseguire delle “manovre liberatorie” che consistono in veri e propri movimenti con l’obiettivo di riposizionare gli otoliti che hanno perso la loro sede naturale.

La scelta della manovra adeguata da parte dell’Otorinolaringoiatra non è tuttavia semplice e necessita di una diagnostica adeguata mediante esami strumentali (la video-nistagmografia o studio registrato del nistagmo spontaneo e posizionale).

 

È possibile la riabilitazione con il Fisioterapista?

In alcuni casi la patologia vestibolare può diventare cronica e può essere utile impostare un percorso di riabilitazione vestibolare con il Fisioterapista.

È un percorso di fisioterapia e movimento che ha lo scopo di stimolare risposte compensative e adattative in situazioni di patologie vestibolari croniche o persistenti. Va a potenziare i sistemi posturali,propriocettivi e visivi in condizioni di deficit dell’apparato vestibolare

Specifici esercizi svolti in situazioni di disequilibrio stimolano l’organismo a mettere in atto dei meccanismi compensatori rafforzandoli.

 

 

Vertigine posizionale: cause e opzioni terapeutiche: per prenotare la Visita di Otorinolaringoiatria con il Dott. Lovato Andrea o la Seduta di Fisioterapia con il Dott. Dalla Pozza Piero, contattaci al numero 0445 372205, compila il form di contatto o invia una richiesta whatsapp al numero 3274310025.