Visita tricologica per caduta capelli: quando rivolgersi al Medico – tutte le informazioni utili

 

La visita tricologica riguarda l’anatomia, la fisiologia la patologia dei capelli e dei peli.
La perdita dei capelli, in particolare, è un fenomeno sempre più diffuso che colpisce soprattutto gli uomini ma è anche frequente nelle donne. Si stima che il 35 % delle donne soffrano di indebolimento e diradamento della chioma.

La caduta dei capelli, quando normale, è assolutamente fisiologica, e possiamo riscontrare tre fasi in cui il capello nasce e si sviluppa, arresta la sua crescita e infine avviene la caduta dove verrà sostituito da uno nuovo.
È il ciclo vitale del bulbo in cui il capello, alla fine della sua fase, cade per lasciare spazio a quello nuovo. Ma quando può divenire una patologia e quali possono essere le cause?

 

Quando bisogna allarmarsi per un eccessiva caduta dei capelli?

Generalmente si perdono circa 100 capelli al giorno e bisogna considerare che nelle stagioni primaverili e autunnali avviene un aumento della caduta. Quando però quest’ultima si sbilancia, ovvero la quantità di crescita è visibilmente inferiore rispetto alla quantità di quella che viene persa è necessario prendere delle precauzioni e, se è eccessiva,  bisogna rivolgersi a un specialista. Nel momento in cui si trovano tanti capelli sul cuscino, sul pavimento della casa, sui tappeti o sulla spazzola, siamo di fronte a una situazione anomala.

 

Quali possono essere le cause?

Sono da considerare diversi fattori che portano alla perdita dei capelli. Nel genere maschile e femminile, la caduta dei capelli avviene con modalità differenti: la stempiatura è tipica nell’uomo e riguarda la perdita e il diradamento dei capelli, mentre nella donna interessa generalmente tutto il cuoio capelluto. Le cause possono essere molteplici anche se nel complesso rimangono sconosciute e non dimostrate pienamente. Influiscono in particolare:

  • Condizioni particolari di stress per l’organismo, che può essere fisico (periodo post-partum, allattamento, malattie croniche, dimagrimento in poco tempo) o psicologico (separazioni, lutti, ansia);
  • Stile di vita (alimentazione carente di proteine, frutta, verdura, legumi, uova o ricca di grassi);
  • Alopecia androgenetica (riguarda il 70% degli uomini e il 40% delle donne ad un certo stadio della loro vita);
  • Iper e ipotiroidismo (rende i capelli fragili);
  • Colorazioni frequenti;
  • Utilizzo prolungato di phon e piastre;
  • Coda di cavallo troppo stretta;
  • Stato delle unghie (contengono gli stessi amminoacidi dei capelli). Se si spezzano, sfaldano o fanno fatica a crescere ci potrebbe essere una correlazione.

 

Come si può intervenire?

Bisogna capire l’entità della problematica. Se si assiste a una perdita di capelli contenuta non bisogna allarmarsi perchè, come detto precedentemente, risulta normale soprattutto in alcune stagioni. Si può ricorrere a dei trattamenti anticaduta adeguati, quindi tramite l’utilizzo di applicazioni locali di lozioni rinforzanti o con l’assunzione di integratori specifici per i capelli. Sono reperibili in farmacia senza prescrizione. 

Se invece, questi rimedi non sortiscono effetto e i capelli continuano a cadere in grande quantità è necessario rivolgersi a un dermatologo, specializzato in tricologia. Tramite una visita approfondita e degli esami specifici è in grado di trovare una soluzione efficace.

 

 

Presso i Poliambulatori San Gaetano è possibile prenotare una visita di Dermatologia e Venereologia.

Per prenotare una visita tricologica senza tempi di attesa, chiamare il numero 0445 372205, compilare il form di contatto a fianco o  scrivere un messaggio whatsapp cliccando (qui).