La dermochirurgia è una branca della medicina che deriva dalla Chirurgia Plastica. Essa consiste in un trattamento chirurgico della maggior parte delle patologie cutanee e la conseguente asportazione delle neoformazioni cutanee, di macchie sulla pelle e di cicatrici visibili.

Nel corso degli ultimi anni la dermochirurgia ha riscontrato un notevole sviluppo e molte delle motivazioni che spingevano il paziente a ricorrere ad un’operazione chirurgica sono soprattutto di carattere estetico. Mentre per le lesioni più significative, tra cui quelle maligne, è di fondamentale importanza intervenire chirurgicamente il più presto possibile.

Le diverse fasi della Dermochirurgia.

La visita dermatologica si divide in tre fasi principali: la raccolta da parte del medico di informazioni inerenti alla patologia, chiamata “anamnesi”, la visita e infine la diagnosi e l’individuazione di un percorso terapeutico appropriato. Il ruolo del dermatologo è quindi quello di analizzare la natura delle lesioni e determinare la scelta terapeutica da eseguire.  La visita consiste nell’asportare il danno cutaneo del paziente con il bisturi e ricostruire chirurgicamente ove necessario. Si tratta dunque di un vero e proprio intervento chirurgico, svolto in ambulatorio con anestesia locale.

La dermochirurgia permette di asportare dalla superficie della cute: nei, cisti, lipomi, melanomi, verruche..

1. Nei sono una iperproliferazione di cellule che possono essere benigne o maligne. Alcuni sono presenti fin dalla nascita mentre altri si sviluppano successivamente.
2. Cisti sono delle rilevanze cutanee o sottocutanee.
3. Il lipoma è un tumore benigno, che si sviluppa sotto pelle formato da cellule adipose che lo rendono particolarmente molliccio.
4. Melanoma, è un tumore maligno che colpisce soprattutto il sesso femminile.
5. Verruca è una protuberanza cutanea, di dimensioni variabili che si concentra soprattutto sulle mani e sui piedi.

Inoltre, vi possono essere altre metodologie diverse di rimozione delle lesioni cutanee, come ad esempio la diatermocoagulazione, l’asportazione “shaving” (parallela al piano cutaneo, indicata per piccole lesioni), il curettage (grattando la superficie cutanea) o la crioterapia (processo che avviene con uso di azoto liquido)

Presso il Poliambulatorio San Gaetano di Thiene (Vicenza, Veneto) è a disposizione il servizio di Dermatologia.

Salva

Salva

Salva