L’Estate è ormai giunta e con essa cerchiamo di superare i problemi invernali passati migliorando la nostra alimentazione.

Durante l’inverno molti di noi hanno passato molte ore in ambienti chiusi (casa, lavoro) riservando pochissimo tempo alle attività dedite all’aperto.
Quindi per prima cosa si deve cercare di passare molto tempo all’aria aperta con passeggiate e/o attività fisica respirando profondamente lontano dal traffico in orari freschi (mattina presto o sera) per evitare le ore calde.

Importantissimo nella dieta estiva è bere acqua!

Possiamo fare riferimento ai fabbisogni, e cioè alle quantità necessarie a mantenere il cosiddetto bilancio dell’acqua, che stima quanta dovremmo assumerne quotidianamente, in relazione a quella persa attraverso la sudorazione, la traspirazione della pelle, l’urina, le feci.

Negli adulti tale quantità è di circa 2 litri e ½ per gli uomini e 2 circa per le donne mentre nei bambini si va da 1,2 litri d’acqua finoa 3 anni a 1,8 a 10anni.
Ma assumiamo acqua anche attraverso le bevande (caffè, tè, tisane) e gli alimenti che ne contengono (latte, verdura e frutta quelli più ricchi). Quanta acqua dobbiamo bere ogni giorno dipende dunque anche dalla quantità che “mangiamo” e basta farlo ogni volta che si ha sete, perché l’organismo ci avvisa quando ha bisogno. Solo nei bambini e negli anziani è necessaria una maggiore attenzione perché, meno sensibili al richiamo della sete, possono essere maggiormente esposti a disidratazione per il forte caldo o per grosse perdite (dovute, ad esempio, a febbre alta, diarrea, vomito).

Sgombriamo il campo da inutili e dannosi pregiudizi sull’acqua del rubinetto. Infatti, a meno che non ci siano specifiche indicazioni da parte delle autorità competenti, è sicura, adeguata e controllata regolarmente. Filtri, depuratori o addolcitori casalinghi possono essere utili, ma non devono e non possono essere proposti come una soluzione per garantire requisiti che l’acqua potabile ad uso domestico deve già possedere per legge. E necessitano di un’accurata manutenzione, per evitare che siano essi stessi a pregiudicarne sicurezza e qualità, ad esempio, per mancata sostituzione o pulizia dei filtri.

Dieta estiva: i cibi salutari oltre all’acqua

E’ importante che la dieta contenga fibre per regolarizzare le funzioni intestinali.
Elenchiamo dunque gli ortaggi e la frutta più adatti a questa stagione : quelli ricchi in vitamina A sono facilmente distinguibili per il colore giallo-arancione o verde scuro; essi comprendono carote, peperoni, albicocche, ciliegie, pomodori, spinaci, cicoria e lattuga; quelli ricchi in vitamina C sono rappresentati dai limoni, fragole, ananas, peperoni, pomodori, spinaci, lattuga.

Vitamina C, folati, carotenoidi, fenoli, isotiocianati, ditioltoni, allilsofuri agiscono preva- lentemente come antiossidanti, contrastando l’azione dei radicali liberi, quelli, per intenderci, responsabili del danno ossidativo, elemento comune di numerose malattie, come infarto, ictus o alcuni tipi di tumore. In più, intervengono nei meccanismi d’espressione dell’informazione genetica, regolandola in senso positivo. Nessun fondamento scientifico, tuttavia, per l’uso di queste sostanze come integratori. L’effetto protettivo e preventivo è, infatti, dovuto al consumo degli alimenti come tali, in quanto in un’alimentazione completa si possono ritrovare e introdurre tutte le vitamine e i minerali di cui il corpo necessita.

Pertanto risulta inutile il ricorso a pillole e bevande particolari costose e che potrebbero addirittura risultare dannose all’organismo.

Per un Consulto Informativo

Compila il form o Chiama lo 0445 372205

Salva