L’infertilità di coppia è un argomento che interessa molte persone:  in alcuni casi però c’è un po’ di confusione generale. Abbiamo chiesto alcuni chiarimenti alla Dott.ssa Gentile Cinzia, Medico Chirurgo Specialista in Ginecologia ed Ostetricia – Ginecologo presso Poliambulatori San Gaetano.

Dottoressa, cosa si intende per infertilità?

Secondo l’OMS l’infertilità è una patologia del sistema riproduttivo definita dal fallimento di ottenere una gravidanza clinica dopo 12 mesi o più di rapporti sessuali non protetti e regolari (6 mesi se la paziente ha più di 35 anni). Il fenomeno colpisce, nei paesi industrializzati come l’Italia, il 20-25% delle coppie (dati OMS). Una coppia su cinque infatti, ha difficoltà a procreare per vie naturali e le cause di infertilità riguardano l’uomo nel 40% dei casi, la donna sempre nel 40% e la coppia il 20%.

Quali sono le principali cause dell’infertilità?

Le cause dell’infertilità di coppia sono numerose e di diversa natura.
Nella donna le principali cause sono:

  • disturbi alimentari
  • infezioni
  • stili di vita scorretti
  • disturbi ovulatori strutturali
  • disturbi ovulatori
  • ovaio policistico
  • infezioni genitali
  • fibromi e miomi
  • endometriosi

Nell’uomo:

  • criptorchidismo
  • varicocele
  • disturbi di erezione

C’è correlazione tra tumori ed infertilità?

Sì, il cancro e le terapie oncologiche possono compromettere la fertilità. Il 25% dei pazienti trattati con chemioterapia soffre di azoospermia (mancanza di sperma nel liquido seminale) dopo 2-5 anni dal trattamento. Trattamenti antitumorali diffusi come la radioterapia esterna determinano un alto rischio di amenorrea (assenza di mestruazioni). Un counselling appropriato può suggerire interventi adeguati per preservare la fertilità con interventi mirati come: 

  • crioconservazione delle cellule riproduttive 
  • terapie ormonali 
  • terapie chirurgiche 

Parliamo ora di Procreazione Medicalmente Assistita, di cosa si tratta?

Per Procreazione Medicalmente Assistita  (PMA) si intende l’insieme di tutti quei trattamenti per la fertilità nei quali i gameti, sia femminili (ovociti) che maschili (spermatozoi), vengono trattati al fine di determinare il processo riproduttivo. 

La riproduzione assistita è possibile, quindi, mediante una gamma di opzioni terapeutiche, a diverso grado di invasività. In Italia sono state suddivise, tenendo conto della loro complessità e necessità o meno di anestesia, in:

  • tecniche di I livello
  • tecniche di II e III livello.

La Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), omologa ed eterologa, è stata inserita nell’aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) garantiti dal Servizio Sanitario Nazionale. Recenti dati forniti dal Ministero della salute riportano che sono più di 70.000 le coppie trattate e circa 16.000 le gravidanze ottenute.

Quali sono le tecniche previste dalla Procreazione Medicalmente Assistita?

Innanzitutto non esiste una tecnica migliore o peggiore dell’altra, ma semplicemente quella più idonea al quadro clinico presentato da ogni coppia. Alcune tecniche sono:

  • l’inseminazione omologa
  • la fecondazione in vitro e il trasferimento embrionale
  • il trasferimento intratubarico dei gameti
  • il trasferimento intratubarico degli zigoti
  • il trasferimento intratubarico degli embrioni
  • la crioconservazione dei gameti e degli embrioni.

Cosa consiglia alle coppie in situazione di presunta o sospetta infertilità?

Sicuramente consiglio di effettuare una visita per infertilità con un medico ginecologo. Le coppie interessate vengono assistite sotto il profilo medico e psicologico dall’inizio del loro percorso a dopo la fine del trattamento. La visita per l’inferitilità consiste in colloquio con il ginecologo il quale, dopo un’accurata anamnesi e qualora lo ritenesse necessario, può successivamente prescrivere alcuni esami approfonditi.

Presso il nostro centro tratta di Infertilità di coppia la Dott.ssa Gentile Cinzia.

Presso il Poliambulatorio San Gaetano di Thiene Vicenza è a disposizione l’ambulatorio di Ginecologia e Ostetricia.