La dieta, intesa come stile di vita, ha importanti effetti sulla salute. Il tipo di alimentazione scelta, oltre all’attività fisica svolta regolarmente, influenza i valori riscontrati negli esami ematologici. Abbiamo rivolto alcune domande alla Dott.ssa Conzato Paola, Laureata in Dietistica – Dietista.

Dottoressa, dagli esami del sangue è possibile capire se l’alimentazione del paziente è adeguata o meno?

Gli esami del sangue sono un metodo di indagine semplice e veloce da eseguire, ma da cui si possono trarre molte informazioni.
Eccetto in caso di situazioni legate a cause genetiche o a particolari malattie, molti valori quando risultano alterati rispetto ai parametri considerati normali ci suggeriscono se l’alimentazione sia o meno adeguata.

Quali sono i fattori che più sono influenzati dalla dieta?

Tra i più influenzati dalla dieta c’è sicuramente la glicemia, ovvero la concentrazione  di glucosio ematico, legata al tipo di alimenti scelti (in particolare alla quantità di zuccheri semplici consumati) e anche alla distribuzione dei pasti nell’arco della giornata. Molte persone hanno l’abitudine di saltare interi pasti o di concentrare la maggior parte del cibo giornaliero in un unico momento. Anche I livelli di trigliceridi sono legati alla qualità delle proprie abitudini alimentari, in particolare al tipo di grassi consumati.

Qual è il modello alimentare più idoneo al mantenimento di un buono stato di salute?

Il modello alimentare più protettivo e preventivo è la Dieta Mediterranea, che ha dimostrato in vari studi scientifici la capacità di riuscire a soddisfare le necessità di energia e di nutrienti (sia proteine, grassi e carboidrati, sia vitamine e minerali), sia di ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e diabete e quindi anche di prevenire o migliorare esami ematologici alterati.

Cosa prevede il modello della Dieta Mediterranea?

La Dieta Mediterranea è un modello alimentare basato soprattutto su cibi di origine vegetale. Prevede buone quantità di frutta e verdura, cereali, legumi e pesce. Include anche, in minor proporzione, latte e latticini, uova e carne. Questa alimentazione garantisce alti apporti di carboidrati ricchi in fibra e pochi grassi.

È un modello alimentare ottimale anche per gli sportivi?

Certamente, la Dieta Mediterranea è ottimale anche per chi pratica sport ed esercizio fisico poiché è in grado di soddisfare il fabbisogno energetico anche di atleti agonisti e contiene una varietà di cibi ricchi di proteine vegetali. Questo tipo di dieta garantisce una quantità adeguata di proteine senza richiedere l’aggiunta di cibi speciali o integratori.

Con un’alimentazione adeguata si possono quindi evitare carenze e migliorare alcuni valori del sangue?

Sì, facendo attenzione all’alimentazione è anche possibile controllare il peso corporeo, e quindi migliorare i valori lipidici circolanti, ed evitare due condizioni: carenze (carenza di ferro, di calcio, di vitamine come ad esempio la vitamina B12) ed eccessi (elevato acido urico, elevata omocisteina,..).

Presso Poliambulatorio San Gaetano di Thiene (Vicenza) è disponibile l’ambulatorio di Dietistica. 
E’ possibile fissare ogni giorno un consulto con la dietista.