Si parte con una sensazione di dolore in corrispondenza alle articolazioni, ma può succedere che questo sintomo celi una patologia più grave. Molto spesso si manifestano durante il movimento, ma preoccupano maggiormente quando si è in uno stato di completo riposo. I sintomi sono importanti per la diagnosi, permette di individuare la causa e di valutare il trattamento da seguire.

Approfondiamo l’argomento con il dottor Walter Faggin, specialista in ortopedia e traumatologia.

Come possiamo distinguere un dolore articolare “falso” da uno “vero”?

Certamente esistono i dolori falsi e quelli veri. Per falsi intendiamo le localizzazioni articolari di dolori psicogeni (le cosidette somatizzazioni) che sono peraltro molto frequenti. Questo non si verifica solo in campo articolare o dell’apparato locomotore (quindi a carico di articolazioni, muscoli, tendini o legamenti ed ossa), ma anche a carico di altri organi ed apparati come l’apparato digerente o cardiovascolare, per esempio le epigastralgie non dovute a gastriti od ulcere, ma legate a stress od ansia.

Un dolore articolare specifico può dipendere da un disturbo localizzato in un’altra parte del corpo?

Il corpo umano è meraviglioso, ma strano e mai certo nelle sue manifestazioni. Vediamo spesso che un dolore che il paziente accusa al ginocchio dipende invece da una patologia della colonna (lombocruralgia) o dell’anca (coxartrosl). Ed una artralgla alla spalla dipende in realtà da irradiazione di brachialgia cervicale o peggio da patologia cardiaca (crisi stenocardica od insufficienza coronarica) per questo è importante valutare il paziente nella sua interezza e non focalizzarsi solo una parte.

Se un dolore permane o peggiora che cosa consiglia di fare?

Se un sintomo doloroso articolare non banale – legato per esempio ad un modesto trauma e quindi con riferimento anamnestico certo – non recede con riposo e qualche analgeslco, bisogna sempre sospettare qualche patologia più importante di tipo infiammatorio o degenerativo od altro e consultare il proprio medico di famiglia che valutata la situazione e consiglierà eventualmente una consulenza specialistica ortopedica.

Quali sono i metodi di cura più efficaci per alleviare il dolore alle articolazioni?

Sin dai tempi antichi in assenza delle medicine proprie dell’età moderna l’uomo si e’ reso conto che in caso di dolore articolare sono sempre vantaggiosi due atteggiamenti: il primo è il riposo (mettere a riposo un’articolazione flogosata e sintomatica è sempre molto utile e vantaggioso) il secondo consiste nell’applicare la borsa di ghiaccio (la crioterapia è per definizione antiflogistica e quindi analgesica). Ora più modernamente utilizziamo ovviamente farmaci analgesici ed antiflogistici che aiutano molto, ma che non sono scevri da effetti collaterali anche gravi.

Per salvaguardare le nostre articolazioni quali comportamenti dobbiamo seguire?

Salvaguardare le articolazioni vuol dire farle lavorare senza stress eccessivi, bisogna pertanto controllare il peso corporeo per evitare sovraccarichi ponderali. Bisogna inoltre evitare i sovraccarichi funzionali ovvero evitare dl praticare attività fisiche o lavorative che comportino eccessivi stress per le articolazioni. Bisogna in definitiva trovare il giusto equilibrio tra la necessità di eseguire attività fisiche per stare in forma e tenere i muscoli efficienti ed elastici senza andare all’estremo opposto di una eccessiva attività fisica con danno articolare da “overuse” come dicono gli anglosassoni.

Per maggiori informazioni, o per Prenotare un Consulto Ortopedico

Compila il form o Chiama lo 0445 372205

 

Salva