11/05/2020

Thiene, Maggio 2020

Primo centro del Vicentino ad aver attivato il servizio con Tamponi e Test sia qualitativi che quantitativi, tutti approvati dal Sistema Sanitario Nazionale

 

Mentre inizia la fase due e l’Italia brama di tornare ad una normalità che per molto tempo non sarà più la stessa, la chiave per contrastare la diffusione del Coronavirus, insieme alle protezioni individuali e alla quarantena, è la sorveglianza attiva. «Una delle sfide cruciali in questo momento – è convinto il Dott. Zancan Renzo, Direttore Sanitario di Poliambulatori San Gaetano – è riuscire a individuare il maggior numero di persone affette da Coronavirus, e quelle che potrebbero essere immunizzate, a seguito dell’infezione».

 

Ecco perché Poliambulatori San Gaetano, primo centro del Vicentino ad aver attivato il servizio Covid-19 Emergency Testing Unit, è in grado di proporre Tampone e Test anticorpale sia qualitativo che quantitativo, approvato dall’Istituto Superiore di Sanità. «I tamponi – ricorda Zancan – vengono eseguiti principalmente nei soggetti che presentano sintomi chiaramente collegati al Coronavirus».
Esistono però altri due tipi di test anticorpali che possono essere utili alla popolazione. Uno eseguito su campione di sangue da “pungidito”, che consente di verificare se l’infezione è in atto o se il soggetto ha sviluppato gli anticorpi che compongono l’immunità e quindi ha avuto un’infezione completamente asintomatica del virus, che permette di avere l’esito in 20 minuti. Un altro test si basa su un prelievo venoso, che consente di dosare in modo specifico le quantità di anticorpi prodotti (immunoglobuline).

«Proprio in questi giorni – annuncia il Dott. Zancan – è arrivato un nuovo test quantitativo, siamo i primi a proporlo, ed è più efficace perché analizza anche le IgA, le immunoglobuline che si manifestano prima rispetto alle IgM e permettono di avere meno falsi positivi. Questo esame è utile per avere un quadro preciso dell’andamento della possibile infezione e per conoscere la quantità effettiva di anticorpi a disposizione».

 

Questi Test sono affidabili?

Il test rapido qui adottato è lo stesso acquistato dalla Regione Toscana e da alcuni ospedali del Veneto ed è distribuito da un laboratorio di accertato valore, che da anni si occupa di test rapidi.

«L’abbiamo scelto fra un centinaio di fornitori – precisa il Dott. Zancan – alcuni, come il nostro, con una lunga tradizione, altri che si sono improvvisati dopo l’emergenza. Avevamo intuito che i test e i numeri che dichiaravano erano veritieri ma, fin tanto che non li abbiamo avuti in mano, non ne avevamo la certezza. Poi li abbiamo incrociati con altri esami sierologici quantitativi che oltre a dire se ci sono o meno anticorpi dicono anche quanti ce ne sono, e abbiamo capito di aver fatto una buona scelta».

Anche Tampone e Test quantitativo sono approvati dall’Istituto Superiore della Sanità.

 

Come si può contribuire alla Sorveglianza Sanitaria Attiva?

Estendere la sorveglianza sanitaria attiva al maggior numero possibile di persone significa avere dati più precisi riguardo l’andamento della pandemia, oltre ad avere un maggior controllo degli insidiosi casi asintomatici. «In questo modo – suggerisce Zancan – si può contribuire ad abbassare il rischio di contagio ed affrontare con maggior sicurezza questa fase di ripresa delle attività».

«Abbiamo deciso di muoverci in questa direzione – spiega ancora Zancan – perché riteniamo che gli esami diagnostici possano contribuire a salvare molte vite. Abbiamo attivato la sezione Covid-19 ad Aprile, facendo una scelta che guardasse al bene della comunità e prima che lo Stato italiano prendesse una decisione in merito, perché siamo convinti possa essere un’arma in più per combattere il Covid-19».

Gli esami vengono svolti all’aperto, per evitare assembramenti, e in condizioni di massima sicurezza.

 

 

Ottieni maggiori informazioni o prenota utilizzando il numero di telefono 0445372205 o inviando una richiesta al form di contatto a lato della pagina.