Cos’è l’Alopecia Areata?

L’alopecia areata è malattia cutanea che vede la perdita rapida e improvvisa di capelli o peli in varie aree del corpo ed in particolare del cuoio capelluto. Tale fenomeno colpisce tutte le età (dai bambini agli anziani) e qualsiasi zona del cuoio capelluto (ma anche della barba o di altre aree pilifere).

Normalmente le chiazze glabre (prive di capelli) sono di forma ovalare e possono avere dimensioni variabili (da qualche mm a 10-15 cm e oltre) oppure confluire in zone più ampie.

Nonostante vari trattamenti siano a disposizione per la cura di tale problematica, spesso tali trattamenti non sono risolutivi e a volte completamente inefficaci.

Per la terapia dell’alopecia areata è stato di recente messo a disposizione un innovativo trattamento di medicina rigenerativa, definito Biorigenerazione del Cuoio Capelluto con PRP.

Il plasma ricco di piastrine (PRP) è un preparato autologo di piastrine in plasma concentrato.
Mediante un semplice prelievo ematico ed una speciale tecnologia di centrifugazione, si ottiene dal sangue dello stesso paziente un derivato definito plasma che la procedura ha arricchito in fattori di crescita derivati dalle piastrine.

Le più recenti ricerche sulla biologia del bulbo del capello e le scoperte di molti dei meccanismi di controllo della vita del follicolo pilifero hanno permesso di decifrare i meccanismi che causano alcune delle patologie dei capelli più frequenti. Da quegli studi si è capito che l’uso dei fattori di crescita specifici, e in particolare dell’IGF1, dell’FGF, del VEGF possono far vivere più a lungo il bulbo, ritardare la sua morte, e quindi ridurne la caduta e stimolarne la crescita di quelli ancora vivi. In particolare si è visto che queste sostanze possono essere fondamentali per la cura dell’alopecia areata, (ed anche di altre forme di alopecia, come quella androgenetica dell’uomo e della donna).

Curare l’Alopecia Areata con il PRP: Procedura e Risultati

Attraverso una procedura semplice e poco dolorosa è possibile iniettare tali fattori di crescita estratti dallo stesso sangue del paziente e contenuti nel PRP nell’area di cuoio capelluto interessata da alopecia areata.

I risultati, apprezzabili nell’arco di 3-4 sedute, possono portare ad un miglioramento ed anche ad una risoluzione completa della patologia.

Tale evento, già noto in ambito clinico, è stato di recente segnalato anche dal punto di vista scientifico, definendo il trattamento con PRP per alopecia areata come una opzione sicura ed efficace per la risoluzione di tale malattia dei capelli.

Salva